domenica 21 giugno 2009

Cherry Martini Cocktail

Come post della domenica un'altra ricetta "tradizionale", sempre a base di ciliege come promesso per questa settimana, ma non parlo di cibo ma di cocktail: il Cherry Martini. Questo coktail è una delle infinite variazioni sul tema classico del Martini e ho trovato almeno dieci differenti ricette per farlo. La seguente è quella secondo me più bilanciata perché conserva il gusto del Martini aggiungendo quello della ciliegia senza sovrastarlo.

Ingredienti per un drink: 75 ml. Gin, 20 ml. Vermouth Dry, 3 gocce di angostura, 10 ml. Cherry Brandy, 1 ciliegia maraschino.

Preparazione: mettete nello shaker gli ingredienti assieme a un cubetto di ghiaccio e agitate per bene. Versate in un bicchiere da cocktail guarnito, anche se in realtà è essenziale per il gusto, con una ciliegia maraschino.

Cherry Martini Cocktail

As Sunday post here it is another "traditional" recipe, always based on cherries as I promised for this week, but I'm not talking about food but about drinks: the Cherry Martini. This cocktail is one of the infinite variations on the classic Martini theme and I found more than ten different recipes to prepare it. The following one is the more balanced in my opinion because it keeps the taste of Martini adding just the flavor of cherries.

Ingredients for 1 serving: 2 1/2 oz. Gin, 3/5 oz. Dry Vermouth, 3/10 oz. Cherry Brandy, 3 dashes of Angostura Bitters, 1 maraschino cherry.

Preparation: pour all the ingredients together with an ice cube in the shaker. Shake energetically and strain over a Martini glass garnished, but it's essential to the taste, with a red stemmed maraschino cherry.

3 commenti :

Dada ha detto...

Ci voleva questa ciliegina raffinata! Foto stupenda, si vede-sente quasi il sapore (immagino che i liquidi nei bicchieri non siano facilissimi da fotografare o sbaglio?) Buona domenica

Fra ha detto...

Foto meravigliosa, viene voglia di allungare la mano e gustarne un sorso
Un abbraccio
fra

A G Photography ha detto...

@Dada

Non sono difficili una volta imparato come si fa, bisogna essere molto precisi e "puliti" sia nel settare le luci che nell'inquadrare... oltre a conoscere un po' di trucchetti e esser veloci nello sfruttarli (tipo le bollicine che fa il cocktail appena versato dallo shacker).

@Fra

Grazie... io lo ho assaggiato subito dopo lo scatto e in effetti era veramente buono.

Posta un commento