giovedì 28 gennaio 2010

Risotto al Tonno e Arancia

Risotto al tonno e arancia
Volete portare sulla vostra tavola la freschezza dell'estate? Provate questa insolito e delicato risotto che combina insieme con successo il sapore di agrumi e di pesce.

Ingredienti (per 4 persone)
400 gr. riso (tipo Arborio)
300 gr. tonno al naturale
2 arance
2 scalogni
75 cl. brodo vegetale
2 cucchiai di olio d'oliva
1 bicchiere di vino bianco
pepe
prezzemolo

Preparazione
Sbucciate le arance, tenendo a parte la scorza e spremetene il succo. Mettete la scorza in acqua bollente per circa un paio di minuti per ammorbidirla quindi affettatene sottile la metà, tenendo il resto per la decorazione finale. Riscaldate l'olio in una padella larga, versate lo scalogno affettato e lasciatelo cuocere per qualche minuto fino a che non sia dorato, aggiungete il tonno, la fettine di scorza, il riso e il vino bianco. Quando il vino viene assorbito aggiungete il succo d'arancia e poi via via un mestolo di brodo vegetale ogni volta che il risotto diventa troppo asciutto. Cuocete per circa 10-15 minuti o fino a quando il brodo sia assorbito e il riso cotto, ma con i chicchi ancora ben separati. Spolverate con un pizzico di pepe, decorate con la restante scorza d'arancia e foglie di prezzemolo e servitelo in tavola.

Gli altri articoli del servizio "Agrumi":
Agrumi (introduzione)
Torta all'Arancia Cotta
Gelée al Limone

Ti è piaciuto il post? Clicca e ricevi gli aggiornamenti di Foodografia appena pubblicati come feed RSS o nella tua email  iscriviti

Reblog this post [with Zemanta]

14 commenti :

fiOrdivanilla ha detto...

io userei un trancio di tonno fresco e poi appena appena scottato. Frantumato in tanti pezzettini e usato così... a parte questo dettaglio.. questo risotto è una vera bontà Ale! Quasi rischierei di cedere anch'io alla tentazione di mangiare carboidrati!

Gran bel piatto!

Fra ha detto...

davvero un ottimo risotto dal profumo sicuramente eccezionale! Bella anche l'idea di fiordivanilla di utilizzare il tonno fresco. Una ricetta davvero intrigrante, complimenti :)
Un abbraccio e buona giornata
fra

Alessandro Guerani ha detto...

@Manu e Fra
E io son d'accordo con voi :D
Avevo pensato ad usare il tonno fresco, magari giusto passato un po' al vapore.

Ma poi ho deciso di rendere la ricetta un po' più semplice, con ingredienti che si trovano dal droghiere sotto casa... l'unico raggiungibile con la neve :P

Tanto appunto sostituire il tonno al naturale con quello fresco giusto un po' cotto prima non cambia nulla e si ha solo da guadagnare ;)

Juls @ Juls' Kitchen ha detto...

da provare stasera seduta istante! ;)
e userò il tonno in scatole, visto che qeull'altro non ce l'ho!
ma mi sengo l'idea di quello fresco per la prossima volta!

fiOrdivanilla ha detto...

hai perfettamente ragione Ale :) avevo giusto pensato a quello: "così la ricetta è più facile e riproducibile da chiunque' usando anche gli ingredienti che si hanno sicuramente in casa! :)

Alessia ha detto...

Posso intromettermi? secondo me è perfetto il tonno disponibile, ma al posto del trancio (se si deve cercare il tonno fresco) io userei le parti meno pregiate del tonno. Comunque ottima idea per un risotto innovativo... lo proverò.
ciao

miciapallina ha detto...

La cosa bella di questo uomo qui, è che non solo fa delle foto che potrei mangiare, ma cucina delle cose buone e bellissime da vedere.
Complimenti invidiosissimi!

nasinasiinsimpatia

Alessandro Guerani ha detto...

@Alessia

Certo che puoi intrometterti ed in effetti avendo a disposizione un bel trancio di tonno fresco penserei per prima cosa ad una tartàre e non certo ad un risotto.

@Micia

Hmmm se hai qualche ricca amica ereditiera single dalla salute cagionevole raccomandami presso di lei :P ;)

miciapallina ha detto...

Accipicchia.... mi mancano le amiche ricche!
Anzi no..... io una sottomano l'avrei, moooolto ricca e mooooolto cagionevole.... però ti voglio TROPPO bene!
no no..... nun ze po fffa....
Cerchiamo ancora....

nasinasi

effemmeffe ha detto...

Ok, la provo stasera.
Però a fare i precisini manca il momento in cui uno deve mettere il riso in padella...
Cioè, si capisce che è tra quando lo scalogno è cotto e quando si aggiunge il brodo, però uno scemo e pasticcione come me non può fare a meno di chiedersi se dev'essere prmia o dopo aver versato il succo d'arancia?
E quindi il riso non si fa tostare come nel risotto classico?

Alessandro Guerani ha detto...

Doh! Hai ragione... si mette prima del succo e lo si fa tostare.

Alessandro Guerani ha detto...

Ecco sistemato, mancava il riso nell'elenco. In pratica si mette assieme al tonno, alle scorze e al vino bianco, lo si fa tostare prima nel vino, poi si aggiunge il succo e quando si asciuga di nuovo si aggiunge il brodo.

terry ha detto...

Lo sposalizio pesce e arancia l'ho provato negli involtini di spada alla palermitana...e devo dire mi ha conquistato!
mi sa che proverò questo primo!!!
complimenti!:)

APRANZOCONBEA ha detto...

oltre che buona, mi immagino...deliziosa da vedere con quei riccioli di arancia!

Posta un commento