giovedì 20 ottobre 2011

Canon EOS-1Dx
È Finita la Gara dei Megapixel?


Le cose stanno tornando come erano.

10 anni fa nessun fotografo avrebbe mai usato una fotocamera 35 mm per un lavoro di still-life in studio, si usavano quelle di grande formato, mentre il medio formato era usato per la moda e ritrattistica e il 35mm era utilizzato dai fotoreporter (e dagli appassionati).

Proprio di recente molti fotografi di studio sono passati ai sistemi 35mm perché, considerati i megapixel, erano un buon compromesso dove una sola fotocamera copriva gran parte delle nostre esigenze.

Ma lavorando con agenzie pubblicitarie anche i 22 megapixel della 5DmkII non sono sufficienti per le campagne di alto livello (lo posso affermare con esperienza in prima persona) e quando si raggiunge quel livello si deve passare al medio formato digitale (tipo appunto l'Hasselblad CFV50). Consideriamo anche il fatto che il 2:3 del 35mm è terribile come proporzioni da impaginare e ha sempre bisogno di esser ritagliato (a meno che non si tratti di una doppia pagina, ma questo è raramente il caso per una foto fatta in studio).

Ieri intanto è stata annunciata la nuova Canon EOS-1DX che sfoggia un sensore full frame di "soli" 18 MP, ma velocità di scatto più elevato (fino a 14fps in modalità jpeg e 12fps con i raw), incredibile sensibilità ISO (da 100 a 51.200 nella modalità normale, da 50 a 204.800 in modalità estesa) e un sistema AF a 61 punti (qui potete leggere le specifiche complete).

Ci sono state molte discussioni nel mondo fotografico (o almeno nella sua parte sul web) sul perché la nuova fotocamera ammiraglia della Canon abbia una risoluzione inferiore rispetto al vecchio modello, dopo anni e anni in cui ogni annuncio di una nuova fotocamera automaticamente significava un numero di megapixel più alto. Che cosa? Nessun megapixel in più? Ma siamo pazzi?

Credo che Canon abbia fatto la mossa giusta.

Pensateci mettendovi nella giusta prospettiva: i fotoreporter professionisti hanno bisogno di elevati fps, ottima capacità ISO e di un AF veloce molto più dei megapixel. Noi fotografi di studio abbiamo semplicemente usato finora gli strumenti sbagliati e col prezzo dei dorsi digitali che sta calando (non così in fretta, lo ammetto) non abbiamo scuse per non usare quello di cui abbiamo veramente bisogno.

Quello che veramente manca ancora è un banco ottico appositamente progettato per la fotografia di studio in questi giorni digitali, e ad un prezzo ragionevole,

In molti ci hanno provato ad offrire questo tipo di fotocamere (Sinar X3, Cambo Ultima, Rollei X-Act2, varie della Silvestri), ma erano principalmente progettate per fotografi di architettura (solo un paio di Silvestri sono state pensate per il lavoro di still life) e vendute in piccole quantità anche per via dei prezzi alti in uno scenario di cane che si morde la coda (numeri bassi di produzione, niente economie di scala, prezzi ancora più elevati, numeri di vendita ancora più bassi, ecc ..).

Il problema è che bisogna spendere migliaia di euro in nuove lenti ad alta risoluzione adatte a soddisfare le esigenze dorsi digitali che sono molto superiori rispetto alla pellicola 4x5", e mentre un sistema a banco ottico in passato era un investimento per tutta la vita, oggi la tecnologia non è ancora sufficientemente "stabilizzata" per creare uno standard. Mi piacerebbe ad esempio avere un sensore full frame 4x5" anche se sempre nel range di 50-80 MP.

Nel mercato fotografico odierno, dove con un sistema 35mm si riescono a produrre risultati comunque accettabili,  investire in un sistema del genere appare folle quando i lavori costano sempre meno e pochi clienti apprezzano o hanno bisogno della massima qualità.

Nei giorni in cui Canon finalmente mette ordine nel 35mm dobbiamo rassegnarci al fatto che il banco ottico è destinato a morire?


(Food photographer, e non solo!, professionista, Alessandro Guerani vive a Bologna ed è disponibile per servizi fotografici e postproduzione digitale di immagini. Per contattarlo potete vedere "chi sono" o inviargli una e-mail a info_at_alessandroguerani.com.)

Ti è piaciuto il post? Clicca e ricevi gli aggiornamenti di Foodografia appena pubblicati come feed RSSiscriviti o nella tua email.

0 commenti :

Posta un commento