venerdì 7 ottobre 2011

Monache (e qualche considerazione sul Canon 70-200/4L)


(Canon 5dmkII, Canon 70-200/4 L at 200mm, 1/160 sec, f4.5, ISO 250)

Devo ammettere che sono un grande appassionato delle vecchie attrezzature fotografiche e di solito non amo molto gli zoom moderni, ma c'è una notevole eccezione: il 70-200/4L Canon.

Ho una buona collezione di vecchi obbiettivi a focale fissa, e i migliori di loro superano di solito molti degli obiettivi zoom moderni, se non in nitidezza, nelle transizioni tonali o nella tridimensionalità dell'immagine. I motivi sono principalmente due:
- i vecchio produttori di obiettivi per i vetri delle lenti potevano utilizzare materiali ora proibiti (piombo, terre rare e alcune anche radioattive come il torio).
- I moderni obiettivi sono destinati ad un mercato "consumer" molto più grande dove la maggior parte della gente vuole avere già nelle foto che escono direttamente dalla fotocamera colori sgargianti, contrasto, e incisione, ma per fare questo le transizioni tonali e altre sfumature sono ovviamente sacrificate.

Non è il caso di questo obiettivo Canon tanto che non ci potevo credere le prime volte che l'ho usato. Ottimi colori (ok, non è possibile giudicare dalla foto sopra lo so, LOL, ma credetemi è vero), nitidezza impressionante (non così comune in zoom, anche i più costosi) e un ottimo effetto tridimensionale sono i suoi punti di forza. Non è perfetto, però, le immagini sono ancora troppo contrastate per i miei gusti e soprattutto le alte luci possono andare fuori controllo se l'esposizione non è precisissima.

È per questo che ho post prodotto in bianco e enero la foto sopra per recuperare un po 'di "texture" negli abiti bianchi delle monache: ho esposto verso la destra dell'istogramma come sono abituato a fare con le fotocamere digitali ed i bianchi si sono slavati di più di quanto mi aspettassi. Probabilmente un obiettivo più "anziano" avrebbe creato una transizione migliore nei toni, ma non avrei avuto l'autofocus, la stabilizzazione dell'immagine e così via. Scelte ... scelte ...


(Food photographer, e non solo!, professionista, Alessandro Guerani vive a Bologna ed è disponibile per servizi fotografici e postproduzione digitale di immagini. Per contattarlo potete vedere "chi sono" o inviargli una e-mail a info_at_alessandroguerani.com.)

Ti è piaciuto il post? Clicca e ricevi gli aggiornamenti di Foodografia appena pubblicati come feed RSSiscriviti o nella tua email.

0 commenti :

Posta un commento